Assunzioni di professionalità civili nel Ministero della Difesa

Notiziario n. 112 del 13 agosto 2012 –

Ci pervengono  parecchie richieste di informazioni in merito alle assunzioni di professionalità civili nella Difesa, in particolare da parte di coloro che, collocati in posizione utile nelle graduatorie dei concorsi  pubblici indetti in questi ultimi anni dall’A.D. e già  ultimati, sono tuttora in attesa di entrare nei ruoli civili della Difesa.  Riteniamo pertanto di fare cosa utile nel fornire alcune informazioni al riguardo,  differenziandole in relazione all’anno di riferimento e  attualizzandole con le disposizioni più recenti introdotte dalla legge di conversione del Decreto Legge 6.07.2012, n.95 (c.d. “spending review”).

* Assunzioni riferite all’anno 2010: con il DPCM 10.03.2011 il  Ministero della Difesa era stato autorizzato ad assumere n. 232 unità. A seguire, Persociv aveva pubblicato sul proprio sito  due successivi “comunicati”  (15 giugno e 31 agosto 2011) con i quali aveva dato conto del piano di riparto, con relativa distribuzione per concorso e per regione geografica, delle assunzioni autorizzate che riguardavano le graduatorie dei concorsi completati negli anni 2006/2007,  per esaurire le quali mancherebbero allo stato ancora una diecina di assunzioni, cui si provvederà nell’ambito di quelle 2011.

Assunzioni riferite all’anno 2011: in relazione ai vincoli posti dalla legge, peraltro analoghi a quelli dell’anno 2010  (limite massimo del 20% spesa  e 20% unità cessate nel 2010),  Persociv ha ottenuto  dalla F.P. il via libera per n. 169 unità (ma va detto che si potrebbe arrivare anche alle 200 unità in ragione della rimodulazione sulla base delle risorse disponibili), per procedere alle quali, una volta esaurite le graduatorie 2006/2007, si attingerà alle graduatorie dei concorsi completati negli anni 2008/2009/2010 che dovrebbero così esaurirsi definitivamente. Il termine temporale per il rilascio della relativa autorizzazione alle Amministrazioni interessate, inizialmente fissato al 31.12.2011, era stato prorogato al 31 luglio 2012 dal c.d. “decreto Milleproroghe” (art. 1 D.L. n. 216/2011, poi convertito nella Legge 24.02.2012, n.14).  Dobbiamo ora però registrare le novità intervenute con la conversione in legge del DL 95/2012, peraltro non ancora pubblicata in G.U., che ha introdotto, all’art. 14,  il comma 4-bis,  il cui testo integrale è riportato nell’allegato al presente Notiziario. Detto comma dispone che,  “in relazione all’esigenza di ottimizzare l’allocazione del personale presso le amministrazioni soggette agli interventi di riduzione organizzativa previsti dall’articolo 2”,  il termine temporale per il rilascio dell’autorizzazione è differito ulteriormente al 31 dicembre 2012. Tenuto conto della premessa sopra riportata, il differimento in questione dovrebbe valere per tutte le Amministrazioni, ivi compresa anche la Difesa,   anche se la nostra Amministrazione  è ricompresa tra quelle che dispongono allo stato di graduatorie in corso di validità.

Assunzioni riferite all’anno 2012 e seguenti. Questi i paletti fissati dalla legge per le assunzioni: nell’anno 2012,  max il 20 %  spesa/unità dei cessati 2011; nell’anno 2013,  max il 20 %  spesa/unità dei cessati 2012;  nell’anno 2014,  max il 20 %  spesa/unità dei cessati 2013; nell’anno 2015, si potrà invece assumere il 50% % della spesa/unità dei cessati 2014. A partire dall’anno 2016, le assunzioni dovrebbero finalmente coprire la totalità dei cessati dell’anno 2015. E’ possibile che per le assunzioni dal 2013 in avanti, si possa provvedere anche attraverso lo scorrimento delle graduatorie precedenti.

            Ricordiamo infine che, in base a quanto disposto dall’art.5, comma 1,  della Legge 24.02.2012, n.213, ”in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014, il Ministero della difesa riserva alle assunzioni del personale degli Arsenali  e  degli  Stabilimenti  militari  appartenente  ai  profili professionali tecnici il sessanta per cento delle assunzioni…”  autorizzate dalla F.P., senza procedere ad alcun bando di mobilità.

(Giancarlo Pittelli)

Allegato:  Testo comma 4-bis art. 14 della legge di conversione del D.L 06.07.2012, n. 95

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *