ANCORA FERMA A BILACENTES L’IPOTESI DI ACCORDO FUA 2012

Notiziario n. 125 del 25 settembre 2012 –

A seguito delle ripetute sollecitazioni provenienti da più parti, desideriamo con il presente Notiziario fare il  punto di situazione sullo stato di avanzamento delle pratiche relative al FUA 2012.

Innanzitutto cominciamo con il dire che l’ipotesi di accordo sottoscritta in data 27 luglio u.s. è ancora ferma all’Ufficio Centrale del Bilancio presso il Ministero della Difesa (Bilacentes),  e vi spieghiamo anche perché.  Come già riferito nei nostri Notiziari, la trattativa è stata quest’anno particolarmente lunga e tortuosa, e si è sostanziata in ben otto riunioni tra le Parti, ricomprendendo in questo calcolo anche tutti i tavoli tecnici sulle Particolari Posizioni di Lavoro (PPL).  Troppe, a nostro giudizio,  e lo abbiamo detto più volte, tenuto anche conto che l’ipotesi di accordo 2012 vedeva in buona sostanza riproposto lo stesso impianto del 2011, e questo anche sul fronte delle PPL con solo alcune piccole novità relativamente a due fattispecie oltre  all’incremento, certo significativo, dell’indennità di rischio.  Ebbene, nonostante  l’assenza di buoni motivi per contendere e nonostante gli appelli da noi lanciati per chiudere rapidamente l’accordo, la trattativa è andata avanti per due mesi e mezzo, e la firma dell’ipotesi è avvenuta solo in data 27 luglio; a seguire, l’ipotesi è stata quindi inviata a Bilacentes  per il controllo di competenza.   Nel frattempo,  però,  era avvenuto che la Ragioneria Generale aveva emanato in data 19 luglio la circolare n. 25,  che troverete in allegato,  avente per oggetto “schemi di relazione illustrativa e relazione tecnico finanziaria ai contratti integrativi”  che, con riferimento alla decurtazione del Fondo (Parte III), rendeva incompleta la relazione predisposta da Persociv,  e rendeva dunque necessaria l’integrazione del documento obbligando la D.G. ad una revisione, alla quale, su richiesta di Bilacentes, si sta lavorando in questi giorni. Dunque, a distanza di due mesi esatti dall’accordo, siamo ancora fermi alla casella di partenza del percorso di controllo! Se avessimo chiuso prima la trattativa, le novità della circolare MEF non ci avrebbero toccato, e il percorso sarebbe stato certo più agevole. Ovviamente, il combinato disposto tra i ritardi accumulati nella trattativa e la circolare MEF azzerano a questo punto ogni speranza di percepire  in corso d’anno somme FUS 2012.  Se ne riparlerà a metà 2013, se va bene!

La seconda questione riguarda il pagamento delle prestazioni di lavoro relative a turni, reperibilità e PPL 2012.  Negli anni precedenti, a questo punto dell’anno (siamo a fine settembre), i pagamenti erano già stati eseguiti: per tutte le competenze maturate  o, come avvenuto nel 2011, solo per il primo semestre (i pagamenti delle indennità, come si ricorderà, sono avvenuti nel 2011 in tre soluzioni).   Ebbene, la richiesta di variazione di bilancio, propedeutica alla collocazione sui pertinenti capitoli di spesa delle risorse, è stata avanzata da Persociv già da maggio scorso, ma la pratica è ancora ferma al MEF in attesa del via libera di quel Ministero, e francamente non sappiamo quanto ancora ci resterà.   Sulla base dell’esperienza degli anni precedenti, possiamo però ipotizzare che dal momento della via libera del MEF passeranno un paio di mesi circa per la corresponsione delle somme ai lavoratori, tempo questo   necessario al completamento del percorso (registrazione CdC, etc. ). Prevediamo pertanto che le indennità maturate per turni, reperibilità e PPL vengano pagate ai lavoratori non prima di novembre, sempre che il MEF autorizzi rapidamente la variazione di bilancio. Per questo motivo, abbiamo inviato al Sottosegretario la nota qui allegata con la quale chiediamo una immediata iniziativa politica presso il MEF per sbloccare la pratica, che nella parte finale ricorda al dr. Magri un paio di nostre precedenti richieste.

(Giancarlo Pittelli)

Allegato 1: Lettera al Sottosegretario Magri

Allegato 2: Circolare Rag. Gen. n.25-19.07.12-Schemi relazioni per CCNI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *