In Commissione Difesa del Senato si discute dello stato degli Arsenali della Marina Militare

Notiziario n. 160 del 24 novembre 2012 –

Vista sull’Arsenale della Marina di Augusta (SR)

Conclusa il 6 u.s. con il voto positivo dell’Aula l’esame del disegno di legge delega per il riordino dello strumento militare, la Commissione Difesa del Senato ha ripreso le audizioni, e tra queste, molto attese, quelle effettuate nel quadro dell’indagine conoscitiva sullo stato degli Stabilimenti industriali.

La prima audizione, avvenuta in data 8 u.s.,  è stata quella dell’amm. Gauzolino,  Ispettore per il supporto logistico e dei fari,  ed ha riguardato la condizione degli Arsenali della Marina Militare (Taranto, con la sezione staccata di supporto diretto di Brindisi;  La Spezia;  Augusta).  L’amm.  Gauzolino ha posto in primo luogo in evidenza  i principali fattori di pregio delle strutture, rilevando, a tal proposito, “ l’elevata professionalità del personale, le conoscenze esclusive per talune lavorazioni, la capacità di esecuzione e di gestione tecnico amministrativa di interi cicli di manutenzione  e le sinergie e le collaborazioni efficaci con l’industria ”. Ha poi messo in evidenza gli aspetti più problematici, individuando le maggiori criticità nello “sbilanciamento del personale civile verso le attività amministrative rispetto ai valori industriali”  essendo il personale tecnico pari “ solo al 58 per cento”;   nel “progressivo invecchiamento della forza lavoro, con una  età media del personale che è pari a  53 anni; infine,  “nella difficoltà attuale ad occupare la manodopera in modo produttivo per le ristrutturazioni in corso per l’ammodernamento e l’adeguamento a norma”.   Tra le iniziative in corso per fronteggiare dette criticità,  l’Amm. Gauzolino ha ricordato il famoso “piano Brin”  per l’ammodernamento e la messa a norma delle strutture, la gestione complessiva del supporto navale in termini info-logistici e la formazione;  il piano di assunzioni, finalizzato a una maggior presenza di personale tecnico,  che però ha subito recentemente un forte ridimensionamento con la “spending review”;  e, infine l’impegno della F.A. ad una progressiva reinternalizzazione delle lavorazioni.  Complessivamente, “il piano di efficientamento e di turn over, nell’ipotesi di un livello tecnico di efficienza del 100 per cento, garantirebbe utili superiori ai costi entro tre anni, che salirebbero a cinque anni nel caso in cui fosse del 90 per cento.”

Queste, in estrema sintesi, le considerazioni svolte dall’Ispettore amm. Gauzolino, che certo non ha nascosto le sofferenze in cui si dibattono gli Stabilimenti industriali della Marina. Sofferenze, però, ed è proprio il caso di ricordarlo, che originano dalla fallita riforma della seconda metà degli anni ’90 voluta dall’allora Ministro Andreatta e ideata dal suo consulente, prof. Zaragoza, teorico delle esternalizzazioni e della riduzione delle attività industriali,  che si sono acuite più recentemente a causa dei forti tagli di bilancio e del mancato reperimento delle risorse necessarie al riefficientamento delle strutture.

Va detto, a tal riguardo, che enormi sono le responsabilità politiche dei Ministri che si sono succeduti nel corso di questi anni i quali,  rispetto alla dimensione sempre più crescente dei problemi,  hanno dato risposte del tutto inadeguate e che sono consistite essenzialmente nella costituzione di diversi (e costosi) Gruppi di lavoro (CAID, CRAMM)  i quali,  attraverso la  rilevazione dei dati industriali e  l’esame dei problemi,  avrebbero dovuto, a conclusione del loro lavoro, mettere a punto una proposta per l’ efficientamento degli Arsenali.  Ebbene, non ci sono noti gli approdi conclusivi di quei Gruppi di lavoro, e ogni nostro tentativo di avere copia dei documenti si è infranto miseramente; come sono altrettanto miseramente falliti i nostri ripetuti tentativi  di riprendere il confronto con l’A.D. sul riefficientamento Arsenali, dopo la rottura avvenuta con l’allora Sottosegretario Cossiga del novembre 2009. Ma di questo, non c’è traccia alcuna nell’intervento dell’amm. Gauzolino……

Troverete pubblicato sul nostro sito il resoconto dell’audizione parlamentare dell’Ispettore.

(Giancarlo Pittelli)

Allegato: Resoconto audizione parlamentare dell’Ispettore per il supporto logistico e dei fari – Comm. Dif- Senato 08.11.2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *