Direttiva del Capo di Stato Maggiore sulla riorganizzazione della Marina Militare

Notiziario n. 4 dell’ 11 gennaio 2012 –

L'amm. Binelli Mantelli, Capo di SMM

L’amm. Binelli Mantelli, Capo di SMM

Da mesi, in tantissimi Enti della Marina, circolavano voci su riorganizzazioni allo studio dello Stato Maggiore di F.A., in particolare per quanto riguarda la parte logistica, e queste voci, nelle sedi a maggior presenza della  Marina,  avevano innescato una decisa attenzione dei media (ultimo episodio ad Ancona).
Dopo tanto studio, alla fine il parto c’è stato, e proprio l’ultimo giorno dell’anno.  Ci riferiamo alla Direttiva n. 2  a firma del Capo di Stato Maggiore Marina e prossimo Capo di SMD e Cte delle FF.AA.,  amm. Luigi Binelli Mantelli,  che riporta la data del 31 dic. 2012 e reca in oggetto “Revisione organizzativa dello strumento militare – disposizioni attuative nel settore ordinativo ed organico”, che  alleghiamo al presente Notiziario con preghiera ai nostri dirigenti di massima diffusione tra il personale interessato.
Il punto d’innesco è riferito alla legge 7.08.2012, n. 135 (“spending review”) e al modello a cui la Marina dovrà necessariamente pervenire entro gennaio 2016,  a causa delle minori risorse finanziare disponibili a quella data per assolvere ai propri compiti istituzionali.  Il progetto di ridimensionamento, “in linea con le  direttive di SMD e omologo a quello delle altre FF.AA.”, prevede “la riorganizzazione della Forza Armata in quattro aree” (area di Vertice; area operativa; area logistica e area formativa), con l’accorpamento della funzione territoriale e di quella logistica.
Questi gli obiettivi a nostro avviso più importanti fissati dalla Direttiva per le diverse aree:
– area centrale: il 1° Reparto verrà riorganizzato “acquisendo la policy della formazione, dell’impiego e del supporto al personale” ;  riorganizzati anche il 3° Reparto con “trasferimento di tutte le competenze operative a CINCNAV”   e il 4° Reparto “che assorbe le competenze di pianificazione dell’attuali Reparto Infrastrutture e Reparto Logistica”;
– area territoriale e formativa:  in conseguenza dell’istituzione del Comando Logistico, verrà operato un riassetto territoriale con la soppressione di Maridipart Ancona (“prevista l’istituzione del Comando Scuole”, cui farà capo l’area della formazione), quella molto preoccupante di Maridist Messina e la riconfigurazione di Maridipart Taranto e La Spezia, di Marisicilia e Maricapitale in Cdi logistici di area;
– area operativa: verrà soppresso da qui al 2018 “un significativo numero di unità”, una trentina circa “a fronte dell’ingresso di soli 8” ;  verrà operata la “totale concentrazione dei reparti e unità nei tre poli di Taranto/Brindisi; La Spezia e Augusta/Catania” e la riorganizzazione della strutture di comando, con l’elevazione di CNCNAV “a unico referente operativo di F.A.” ; riconfigurati anche CONFORAL, COMFORSBARC, COMFORDRAG, COMFORAUS, COMFORSUB E COMSTANAV;
– area sanitaria: riordinamento di MARISPESAN separando le funzioni di indirizzo e coordinamento degli organismi sanitari di F.A. da quella deputata a funzioni di sostegno, incardinata nel Comando Logistico; per il resto, i provvedimenti sono quelli già noti e previsti dal riordino interforze della sanità militare.
Questi gli obiettivi più importanti fissati dalla Direttiva, nel merito dei quali al momento non entriamo. Poniamo però due problemi, che ci sembrano di non poco conto:  la mancanza di ogni confronto preventivo con le Forze Sociali,  nonostante le richieste da noi avanzate in più sedi e a più riprese, secondo un modello “dipaoliano” che si sta sempre più diffondendo e consolidando in Difesa;  la mancanza  nella Direttiva, pur essenzialmente tarata sul personale militare,  di qualsiasi accenno al personale civile cui fanno da contraltare  gli espliciti riferimenti alla necessità di valorizzare le figure di Luogotenente e Primo Maresciallo “prevedendo per essi incarichi di responsabilità”. Perché non anche per i funzionari civili?
Abbiamo pertanto inviato in data di ieri al Capo di SMM la nota allegata con richiesta di incontro.

(Giancarlo Pittelli)

Allegato 1: Direttiva del Capo di S.M.M. n. 2 del 3.12.2012

Allegato 2: 11.01.2013 – lettera FLP DIFESA a Capo SMM con rich. incontro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *