A maggio, costituzione sperimentale di MARISTANAV La Spezia per riconfigurazione Maribase e assorbimento DSD Marinarsen

Notiziario n. 28 del 5 marzo 2013 –

Marina militarePrima riunione tecnica tematica, oggi, a Palazzo Marina, tra la nostra O.S. e  lo Stato Maggiore, che è stata presieduta dal Capo del 1° Reparto, amm. P. Luciano Ricca.  Come si ricorderà, nel corso della riunione del 22 gennaio u.s. nella quale lo SMM ha illustrato le linee generali di riordino della Forza Armata,  la nostra O.S.  chiese che venissero calendarizzate specifiche riunioni tecniche a tema, con riferimento ai provvedimenti specifici relativi a ciascuna area. La riunione di oggi ha aperto gli incontri tematici,  e ha avuto al centro il progetto di costituzione in via sperimentale di MARISTANAV La Spezia.

Come è noto,  il progetto di riordino della Marina prevede  la riarticolazione della F.A. in quattro aree  (centrale; operativa; logistica e formativa).   Per quanto attiene l’area operativa,  la Direttiva n. 2 del 31.12.2012 a firma dell’allora Capo SMM amm. Binelli Mantelli (vds.Notiziario n. 4 dell’11.01.2013), prevede:

– la concentrazione dei Reparti e delle Unità nei tre poli di Taranto/Brindisi, La Spezia e Augusta/Catania;

– la revisione della struttura di comando attraverso:  l’elevazione a unico referente operativo di F.A. del Comando in capo della Squadra navale (CINCNAV); la riorganizzazione dei diversi Comandi Forze (COMFORAL; COMFORSUB; etc.).   

In questo quadro,  è prevista la costituzione dei Comandi stazione navale (COMSTANAV)  per riconfigurazione dei MARIBASE, che assorbiranno le funzioni di supporto diretto (le DSD) attualmente inserite negli Arsenali,   avranno sede  a Taranto, Spezia e Augusta, e dipenderanno da un Comando Forze.

Nelle intenzioni della F.A. (seconda Direttiva a firma dell’amm. Binelli Mantelli, vds Notiziario n. 16 del 7.02.2013),  la costituzione dei COMSTANAV  verrà resa effettiva in data 31.12.2013.  Ma il nuovo Capo di SMM,  amm. De Giorgi, ha deciso di accelerare  i tempi di costituzione  della nuova struttura di La Spezia, che dovrebbe essere anticipata al 1 maggio p.v. e avviata in forma inizialmente sperimentale.

Nei prossimi giorni, lo SMM si muoverà pertanto in due direzioni: da una parte verrà interessato il Gabinetto per la predisposizione del D.M. di costituzione di MARISTANAV Spezia, che dovrebbe essere articolata in 5 Uffici (amministrativo; assistenza navi; operazioni portuali; supporto generale e difesa);  dall’altra, verranno immediatamente attivati i competenti Enti territoriali,  anche per l’attivazione del confronto con le Rappresentanze sindacali locali  in previsione  dell’avvio delle operazioni di reimpiego del personale.

Nel suo intervento la nostra O.S. ha preso atto della scelta operata dallo SMM, ritenendo molto positiva la strada della sperimentazione e più semplice, in relazione allo stato delle cose,  l’individuazione della sede spezzina per la realizzazione del modello organizzativo. Pur tuttavia,  FLP DIFESA ha richiamato la necessità che dopo questa prima fase di informazione a carattere generale e nazionale, si vada  rapidamente, e prima dell’avvio della procedura di reimpiego, all’informazione e al confronto con le OO.SS./RSU,  che consentirà loro di meglio comprendere le funzioni del nuovo Ente, di discutere del suo organico e dell’impiego del personale,  e anche dei servizi interni al nuovo Ente e di quelli che transiteranno al costituendo Com Log Nord (mensa; vigilanza; etc.). Su questo, lo SMM  ha fornito ampie assicurazioni.

Nel corso della riunione,  l’amm. Ricca ci ha informato anche sugli sviluppi della vicenda legata alla soppressione di Maridist Messina:  la Marina sta mettendo a punto uno propria proposta  per la creazione in loco di una struttura di supporto quale attività dislocata di Marisicilia, che potrebbe assicurare il reimpiego nella stessa base navale di gran parte del personale.  Detta proposta sarà inizialmente portata all’attenzione delle Rappresentanze sindacali locali,  e successivamente diventerà oggetto di confronto con le OO.SS. nazionali nello specifico tavolo tecnico da noi richiesto e previsto entro il corrente mese.

Con l’occasione, pubblichiamo di seguito la rispsota del nuovo Capo di SMM amm.  De Giorgi alla  nostra lettera allegata al Notiziario n. 4 dell’11 gennaio u.s.

(Giancarlo Pittelli)

Allegato 1: La risposta a FLP DIFESA del Capo di SMM

Allegato 2: Resoconto riunione precedente con SMM del 22.01.2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *