Question time in Senato del Ministro Mauro. A giorni, l’inizio dell’esame delle Commissioni Difesa dei decreti attuativi della delega

Notiziario n. 105 del 23 settembre 2013 –

Il sen. Nicola La Torre e l on. Elio Vito, Presidenti delle Commissioni Difesa

Il sen. N. La Torre e l on. E. Vito, Presidenti delle Commissioni Difesa

“Question time” con il Ministro della Difesa nella seduta pomeridiana del Senato del 19 u.s., nella quale  il sen. Mauro ha risposto ad interrogazioni a risposta immediata su vari argomenti, ed in particolare sui profili di attuazione della revisione dello strumento militare nazionale.  Come è noto, il c.d. “question time” costituisce un momento dell’attività delle Camere nella quale vengono illustrate una serie di interrogazioni parlamentari già presentate, di solito riguardanti argomenti di particolare urgenza, e a cui viene data risposta in aula dall’organo esecutivo, nella circostanza direttamente dal Ministro.

Con riferimento ai due schemi di decreti legislativi adottati dal Consiglio dei Ministri l’8 agosto u.s., il primo sul personale e il secondo sull’ordinamento sui cui contenuti abbiamo riferito diffusamente  nei nostri recenti Notiziari nn. 89, 91 e 92,   alcuni parlamentari interroganti hanno chiesto: “l’apertura di una fattiva dialettica tra Governo e Parlamento con il confronto sui decreti attuativi” (sen. Pegorer, PD);  “a che punto è il processo di revisione degli organici” (sen. Piccinelli, PDL). Altri componenti della Commissione hanno invece posto altre questioni riguardanti il piano di dismissioni dei beni della Difesa (sen. Di Biagio, SCpI)  mentre altri infine hanno posto questioni relative al solo personale militare: “alloggi di servizio”,  “riallineamento delle carriere del personale appartenente al ruolo dei marescialli”  e ”previdenza complementare dei volontari in ferma prefissata”  (sen. Battista, M5S).

 Nella sua risposta, il Ministro Mauro ha  innanzitutto comunicato che, nella stessa giornata, il provvedimento relativo al personale  era all’esame della “Conferenza Unificata Stato-Regioni” (sul nostro sito pubblichiamo il relativo “parere”); ha poi comunicato che “dalle prossime settimane – è già stata data comunicazione alle Commissioni di merito di Camera e Senato – comincerà l’esame in sede parlamentare”.

E questa è davvero una notizia, atteso che  la delega ha tempo un anno per essere esercitata e scade a metà gennaio,  e dunque  il tempo a disposizione non è davvero molto. Si è poi soffermato sulla riduzione degli organici  militari e civili, che avranno due distinte fasi temporali, la prima entro il 31.12.2015 in attuazione dei tagli della spending  review (L. 135/2012)  e  la seconda entro il 31.12.2024 ( L.244/2012).

In termini numerici, al 1 gen. 2016, gli organici militari dovranno ridursi a 174.900 unità (-5370), mentre quelli civili si attesteranno sulle 28.179 posizioni, con un saldo negativo di 2.069 unità.  A tal proposito, segnaliamo la tabella riportata nell’allegato B del resoconto di riunione, forse là collocata impropriamente ma indubbiamente interessante, che contiene la dinamica di riduzione nel quadriennio 2012-2015. Ovviamente, l’auspicio di tutti è che questi tagli coincidano con i pensionamenti in soprannumero previsti dalla Legge 135/2012, i cui termini temporali sono stati prorogati al 31.12.2015 dal DL 31.08.2013, n. 101,  ai fini della maturazione dei requisiti pre Fornero, atteso che dal 1 gennaio 2016 decorrerà il primo “piano di riassorbimento delle unità in eccedenza” previsto dall’art.12 del decreto attuativo c.d “ordinamentale”.

Interessante anche le risposte fornite dal Ministro in merito al piano di dimissioni degli immobili, operazione dalla quale la Difesa dovrebbe ricavare il 30% delle quote dei fondi d’investimento immobiliare cedute.  E’ previsto “un bacino di oltre 1.500 beni prontamente dismissibili”, di cui n. 20 idonei a confluire in un fondo immobiliare, n. 390 che potrebbero essere oggetto di accordi con AA.PP. interessate e n. 1.146 non utilizzabili, che verranno conferiti gradualmente all’Agenzia del Demanio.

Sul nostro sito, pubblichiamo il resoconto parlamentare sul “question time” del Ministro Mauro.

A conclusione di questo Notiziario, in relazione all’imminente avvio da parte delle Commissioni Difesa di Camera e Senato dell’esame sui contenuti dei decreti attuativi della delega ex Legge 244/2012, comunichiamo di aver già inviato  l’allegata  richiesta di audizione ai due Presidenti e a tutti i componenti.

(Giancarlo Pittelli)

Allegato 1: Resoconto question time Ministro Difesa

Allegato 2: Proposte emendative della Conferenza Stato Regioni

Allegato 3: Lettera di FLP DIFESA con richiesta di audizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *