PERFORMANCE: I VERTICI D’AREA UFFICIALIZZANO LA SOSPENSIONE

Notiziario FLP Difesa n. 30 del 26.02.2012 – 

In relazione alle molte richieste di informazioni che ci stanno pervenendo, informiamo i colleghi che i Vertici delle c.d. “macroaree” di cui alla Direttiva del 23.12.2010, e precisamente: SMD per l’area operativa; SGD per l’area amministrativa; il CSM mil. per l’area Giustizia militare e il Gabinetto per la propria, hanno formalmente informato le sottoordinate Strutture ordinative (SS.MM. di F.A.; DD.GG.; etc. ) in ordine alla decisione assunta dal Ministro della Difesa di sospendere e differire il procedimento di misurazione e valutazione della performance individuale del personale civile, e di cui alla nota a firma del Sottosegretario delegato dr. Magri, allegata al nostro Notiziario n. 25 del 16 u.s..

Da quanto ci risulta, i Vertici delle “macroaree” si sarebbero semplicemente limitati ad estendere i contenuti della nota del Sottosegretario, senza aggiungere ulteriori indicazioni. A loro volta, le Autorità Centrali dovrebbero provvedere analogamente nei confronti degli Enti dipendenti.

Dunque, il procedimento di valutazione introdotto dall’ex Ministro Brunetta con il D.Lgs. 150/2009 e che nella Difesa si è concretizzata nella procedura messa a punto dall’O.I.V. poi recepita nella Direttiva a firma La Russa del 23.12.2010, va dunque in soffitta. Il motivo ufficiale sta essenzialmente nelle ”difficoltà applicative manifestatesi in relazione alla specificità del Dicastero” : spiace che l’A.D. se ne sia accorta solo ora, FLP DIFESA lo aveva detto sin dal primo minuto, e poi ripetuto in tutte le occasioni.

C’è però una domanda che in tanti si fanno, e che peraltro ci viene sistematicamente proposta nelle assemblee che stiamo facendo per le RSU, ed è la seguente: come mai l’Amministrazione solo ora è pervenuta a questa decisione? A nostro giudizio, quattro sono gli elementi che ne sono alla base:

1. il nuovo vento che tira anche nel Ministero della Difesa, e che ha reso possibile oggi quello che con La Russa e Cossiga non sarebbe mai stato possibile stante gli equilibri interni alla vecchia maggioranza;

2. la presa d’atto definitiva da parte dei Vertici della Difesa delle insuperabili criticità conseguenti alla applicazione di quella Direttiva, troppo mal congegnata da chi, il riferimento è ovviamente ad OIV, ha dimostrato una conoscenza davvero molto approssimativa delle nostre realtà di lavoro e di impiego;

3. il precedente che si è registrato nel Ministero delle Infrastrutture – e di cui FLP DIFESA ha provveduto tempestivamente a informare il Sottosegretario con la lettera del 6 u.s. allegata al Notiziario n. 17 di pari data – e che ha reso evidente la percorribilità del provvedimento sospensivo, anche a chi nella nostra Amministrazione ne aveva teorizzato l’assoluta impraticabilità;

4. infine, è nostro fondato convincimento che nella decisione di mandare per il momento in soffitta il procedimento di valutazione abbia pesato, e anche in modo significativo, il ricorso che FLP DIFESA, unica O.S. a farlo, ha proposto al TAR LAZIO per l’annullamento della Direttiva sulla performance individuale, e che andrà in decisione dopo la prossima udienza già fissata per il 24 aprile 2012.

Ci viene un po’ da sorridere quando leggiamo nelle bacheche i comunicati di sigle sindacali che se ne intestano il merito: tra queste, ci sono anche quelle sigle che applaudivano Brunetta e che inviavano in giro locandine con “Welcome to performance” e che poi, in compagnia tra di loro (CISL, UIL, CONFSAL, INTESA), solo un hanno fa, hanno sottoscritto con Brunetta l’Intesa del 4 febbraio, che ha puntellato il sistema premiale introdotto dall’ex Ministro e lo ha consolidato attraverso nuove forme di finanziamento

(in allegato, anche a beneficio di quanti mostrano oggi preoccupanti vuoti di memoria, il testo dell’Intesa).

Sappiamo bene che, a differenza delle sconfitte che registrano solo orfani, le vittorie hanno sempre e comunque molti padri. Ma un minimo di decenza non guasterebbe davvero!!!

(Giancarlo PITTELLI)

Allegato: Intesa del 4 febbraio 2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *