INCONTRO CON LO S.M.M. LE NUOVE DOTAZIONI ORGANICHE CIVILI DELLA MARINA MILITARE

Notiziario n. 91 del 4  luglio 2012 –

In data odierna, si è tenuta a Palazzo Marina una riunione con  Stato Maggiore Marina – 1° Reparto,  riunione cha la nostra O.S. aveva richiesto con nota del 23 aprile 2012 indirizzata al Gabinetto del Ministro. All’o.d.g., la rideterminazione degli organici del personale civile della Marina Militare in conseguenza del terzo taglio delle dotazioni intervenuto con la Legge 16.09.2011, n. 148.

Come è noto, la predetta Legge (di conversione del D.L. 13.08.2011, n.138) ha disposto “una ulteriore riduzione non inferiore al 10% della spesa complessiva risultante dalla applicazione del D.L 194/2009”. Eravamo di fronte alla terza sforbiciata degli organici, dopo le  due  precedenti operate dal D.L. 112/2008 e poi dal D.L.194/2009: in tutto, sono stati cancellati ben 11.800 posti di lavoro civili!!

 Le nuove dotazioni organiche in attuazione della L. 148 sono fissate complessivamente in n. 30.283, di cui n. 63 di area 1^, n. 26.590 di area 2^ e n. 3.630 di area 3^. Allo stato, nella ripartizione tra i diversi “pezzi” della nostra Amministrazione,  all’ area tecnico operativa (SMD) dovrebbero essere assegnate n. 26.220 posizioni, di cui n. 2.379 di area 3^, n. 23.829 di area 2^ e n. 12 di area 1^.

Fatte queste premesse, e venendo alla riunione odierna, il Capo del 1° Reparto di SMM ci ha innanzitutto comunicato che le dotazioni assegnate alla Marina sarebbero complessivamente pari a n. 10.192. Nel prospetto fornitoci in riunione dallo SMM, e che alleghiamo al presente Notiziario,  i numeri complessivi della M.M. sono stati ripartiti per Regioni e Sedi e quindi posti in raffronto con le esistenze effettive di personale al 1° gen. 2012 (9.364 di area 2^ e 3^ e n. 828 di area 1^),  da cui emergono, per i diversi ambiti (nazionale, regionale e di sede), le carenze e le eccedenze. Su questi dati,  che disegnano la nuova geografia della Marina, occorrerà che le strutture sindacali interessate e le RSU operino gli opportuni approfondimenti e le verifiche del caso, in particolare sul versante delle “eccedenze”.

La situazione di cui sopra nasce naturalmente dalle scelte maturate  dalla F.A. a seguito della ricognizione avviata con la circ. SMM- 1° Rep n. 10024261 del 3 apr. 2012 (vds Notiziario n. 57 del 23 .04.2012).  Su nostra precisa richiesta, lo SMM ha esplicitato i criteri che hanno informato le scelte della F.A.: garantire in primo luogo le sedi che la F.A. ritiene prioritarie ai fini della realizzazione della propria “mission” (Arsenali e Basi navali di Taranto, La Spezia ed Augusta, coerentemente con il c.d. “progetto turnover” di cui abbiamo riferito in altra circostanza); inoltre, assicurare le attività dell’ l’Istituto Idrografico di Genova, in ragione dei compiti istituzionali ad esso assegnati, e dei Centri Tecnici.

In  riunione è emerso un ulteriore ed interessante elemento: è attualmente allo studio della F.A.  la riorganizzazione della c.d. area centrale della Marina, che potrebbe prevedere delocalizzazioni di funzioni e attività verso la periferia, operazione questa che fornirebbe  possibilità di impiego al personale in eccedenza. Ove cosi fosse, le dotazioni organiche subirebbero una nuova rimodulazione.

La nostra O.S. ha segnalato allo SMM due questioni che ci sembrano prioritarie: le problematiche legate all’ irrisolto problema del riefficientamento degli Arsenali, di cui non c’è traccia alcuna nel progetto di riforma dello strumento militare; le pericolose eccedenze dell’area 1^ (ben 828 nella Marina!) che, alla luce del possibile ulteriore taglio del 10% degli organici che potrebbe intervenire con l’emanando secondo D.L. sulla spending review, potrebbe avere sul personale ricadute pesantissime (art. 16 L. 183).  Infine, su nostra precisa sollecitazione,  lo SMM ha assicurato che, ai fini della successiva definizione degli organici degli Enti M.M., verranno avviate le consultazioni con OO.SS terr. ed RSU.

(Giancarlo Pittelli)

 Allegato: Nuove dotazioni 2012 della MM e raffronto con esistenze al 1 gen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *