Chiusa la trattativa nazionale per la distribuzione del FUA 2013. Lunedì 22 luglio, la firma dell’ipotesi di accordo

Notiziario n. 83 del 16 luglio 2013 –

Foto FUA per sitoSi è concluso in data odierna il confronto negoziale con l’Amministrazione in merito alla distribuzione del FUA 2013, avviato il 20 giugno u.s. (Notiziario n. 71) e proseguito poi in data 2 luglio (Notiziario n. 76). Rispetto ai punti già convenuti nei precedenti incontri, queste le ulteriori novità di oggi

  • Provenienza delle somme che alimentano il FUA: la dr.ssa Preti ci ha comunicato che, in accoglimento della nostra sollecitazione, ha formalmente richiesto al MEF  il dettaglio delle voci che compongono il  FUA 2013 (dettaglio negato lo scorso anno per il FUA 2012), che, vogliamo credere, il MEF non potrà ancora negarci, sia per dovere di trasparenza, sia perché lo stesso dettaglio il Ministero di Saccomanni non ha avuto difficoltà a consegnare alle proprie OO.SS. (l’accordo FUA MEF del 10 giu. u.s. reca il prospetto relativo alla composizione del Fondo). Restiamo in attesa della risposta del MEF, anche per conoscere l’entità dei risparmi di gestione della Difesa che vanno a confluire nel FUA 2013.
  • Equiparazione delle assenze alle presenze ai fini FUA: abbiamo riproposto la necessità di tutelare alcune tipologie di assenze aventi particolare valenza sociale (maternità, paternità,  legge 104, donazioni organi).  A tal riguardo, la dr.ssa Preti ha ribadito al propria opinione circa il fatto che, in tal caso,  si correrebbe il rischio di nuovi rilievi di MEF e FP. Non abbiamo la stessa opinione, in ogni caso  non possiamo che prendere atto di questa posizione, essendo stata FLP l’unica O.S. a porre il problema. A questo punto, non ci resta che attendere gli esiti degli iter di certificazione di ipotesi di accordo FUA di altri Ministeri che fanno invece salve quelle tipologie di assenze, e poi riprenderemo l’iniziativa.  
  • Turni: come da noi espressamente richiesto, l’allegato 9 verrà integrato  al comma 4 con un espresso richiamo alla tipologia di orario riferita a “turnazioni su 12 ore”, che  qualche Dirigente aveva messo in dubbio in ragione del combinato tra la mancanza di questa previsione nell’accordo 2012 (presente invece nei vecchi accordi FUA) e il richiamo al CCNL 12.01.1996 che non prevede deroghe alle nove ore.
  • Indennità di mobilità: confermato l’ accantonamento ridotto (-100mila € rispetto all’intendimento iniziale), come da espressa richiesta di FLP DIFESA, che alzerà di circa 3 € la quota media pro capite di FUS portandola così a € 953,16 al netto oneri A.D. e dunque al lordo degli oneri del lavoratore.
  • Passaggi economici:  in merito alla nostra richiesta di prevedere un “accantonamento  di una somma destinata ai passaggi economici, con  ridestinazione al FUS nel caso di non svolgimento della procedura come avvenuto a suo tempo per le riqualificazioni al fine di evidenziare l’impegno delle Parti nel prevedibile scenario di proroga dei blocchi retributivi attuali”  (vds. Notiziario n. 71 del 20 giu. u.s.),  preso atto dei rischi paventati dalla D.G. in merito all’accantonamento di somme in vigenza del blocco, abbiamo concordato con la dr.ssa Preti la sottoscrizione di una “dichiarazione congiunta” che renda evidente già oggi l’impegno delle Parti sul fronte dei passaggi economici in previsione del FUA 2014.
  • Indennità di imbarco: oltre alle due novità di cui abbiamo già riferito nel Notiziario n. 71 del 20 giugno (la prima, cancellazione del limite minimo delle “4 ore di permanenza a bordo”; la seconda, modalità di accertamento della prestazione estesa ai “documenti ufficiali” in possesso “delle officine di appartenenza”),  l’allegato 7 conterrà delle ulteriori variazioni al comma 1 (sostituzione di “natanti” con  “imbarcazioni con o senza motori”  e integrazione con “nonché a bordo di bacini galleggianti”).
  • Reperibilità: la D.G. ha dato risposta alla nostra richiesta, rendendo noto che la ricognizione avviata con la circolare Persociv n. 19262 del 19.04.2013 ha evidenziato circa il 26% di maggiori esigenze.

       Lunedì prossimo, 22 luglio, è prevista la sottoscrizione dell’ipotesi di accordo FUA 2013

(Giancarlo Pittelli)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *