In arrivo i pagamenti delle indennità per turni, reperibilità e P.P.L. per i primi 10 mesi del 2012

Notiziario n. 166 del 3 dicembre 2012 –

Come usiamo fare periodicamente per dare risposta alle continue richieste di informazioni da parte dei colleghi, proviamo a fare il punto di situazione sullo stato di avanzamento delle diverse “pratiche” relative alle somme FUS 2011 e FUA/FUS 2012 con gli ultimi, importanti aggiornamenti.

 Turni, Reperibilità e Particolari Posizioni di Lavoro (PPL) 2012: come si ricorderà dai nostri precedenti Notiziari, sulla base della c.d. “ultrattività” dell’accordo relativo all’anno precedente  trattandosi di indennità riferite a prestazioni di lavoro specifiche e in parte già rese,  Persociv aveva avviato a maggio scorso la richiesta dei relativi fondi al MEF (Ministero dell’Economia e Finanze)  senza attendere la sottoscrizione e poi la certificazione dell’accordo 2012.  Nel mese scorso (vds Notiziario n. 141 del 25 ott.), il MEF aveva accolto la richiesta della nostra D.G. e disposto la messa in disponibilità alla nostra Amministrazione delle somme necessarie al pagamento delle predette indennità. Ebbene, informiamo ora i colleghi che in questi giorni Persociv ha provveduto a dare comunicazione alle competenti Direzioni di Amministrazione della imminente assegnazione ai funzionari delegati delle somme finalizzate al pagamento delle indennità per  turni, reperibilità e P.P.L. relativi  ai primi 10 mesi dell’anno in corso, e dunque fino a tutto il mese di ottobre 2012.  Per la materiale corresponsione ai lavoratori interessati, occorrerà però attendere il visto della Ragioneria ai fini del materiale accreditamento delle somme agli Enti, operazione questa che, anche in considerazione del particolare periodo in cui cade (fine anno), potrebbe avere bisogno di tempi di trattazione un po’ più lunghi della media.  E’ dunque possibile che i pagamenti delle indennità  possano  anche slittare a gennaio 2013, nel caso in cui non fosse possibile procedere entro il corrente anno.

  Seconda quota FUS 2011: come noto, a luglio scorso è già stata assegnata da Persociv agli Enti  amministranti, in ragione del numero di dipendenti in servizio al 1.01.2011, la quota pro capite del FUS 2011 (parte fissa + parte variabile) che è stata pari a € 970,25 al netto oneri A.D.  (vds circolare Persociv n. 625960 del 1.06.2012), e il fondo di Ente così costituito è già stato distribuito ai lavoratori sulla base dei criteri fissati negli accordi locali per la distribuzione del FUS 2011. Successivamente, la D.G. ha provveduto a calcolare i saldi relativi alle diverse somme del FUA accantonate e,  come da noi già anticipato ai colleghi, da quei conteggi sono residuate a saldo delle somme che hanno dato luogo ad una seconda quota pro capite di FUS 2011 pari a  € 118,11 al netto oneri A.D. (vds circolare Persociv n. 27690 del 31.10.2012), che la D.G. ha già provveduto qualche settimana fa ad assegnare agli Enti amministranti in base al numero di personale in servizio al 1.1.2011Detta seconda quota  verrà ora distribuita ai lavoratori, verosimilmente con lo stipendio di dicembre,  anch’essa sulla base dei criteri stabiliti negli accordi locali FUS 2011 e con importi  al netto  ritenute a carico del lavoratore (8,80% fondo pensione stato e 0,35% fondo credito) e ovviamente dell’lRPeF.

 Ipotesi di accordo FUA 2012: dopo il via libera di Bilacentes, l’ipotesi di accordo sottoscritta il 27 luglio u.s. dovrebbe avere positivamente superato il vaglio di Rag.Gen-IGOP e F.P., anche se manca ancora la certificazione formale ex art. 40-bis D. Lgs. 165/2001, che dovrebbe comunque arrivare a giorni. A certificazione avvenuta, le Parti procederanno alla sottoscrizione definitiva dell’accordo.

Vi terremo comunque puntualmente  informati sugli sviluppi di tutte le “pratiche” FUA/FUS.

(Giancarlo Pittelli)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *